A pochi giorni dalla conclusione della 62esima edizione del Taormina Film Festival, la città si prepara ad accogliere un altro importante evento dedicato al Cinema. Nella suggestiva cornice del Teatro Antico, sabato 2 luglio, si svolgerà la cerimonia di consegna dei prestigiosi Nastri d’Argento. Il più antico riconoscimento per il cinema italiano, che quest’anno festeggia un compleanno importante. Sono trascorsi, infatti, 70 anni da quella prima edizione, nel 1946, in cui trionfò Roma città aperta di Roberto Rossellini, e fu premiata anche la splendida Anna Magnani.

Con i Nastri d’Argento, ogni anno, i giornalisti cinematografici premiano il film dell’anno, il miglior regista, l’esordiente, le attrici e gli attori, i migliori tecnici, e ancora tutti gli aspetti che insieme contribuiscono al successo di un’opera cinematografica come il soggetto, la sceneggiatura, la fotografia, i costumi, la colonna sonora e il montaggio. Tutto attraverso un sistema di cinquine di candidati in corsa per il premio, svelate lo scorso 31 maggio alla conferenza stampa tenutasi al MAXXI di Roma.

Il film di Paolo Virzì, con 10 candidature, è il film più candidato ai Nastri d’Argento 2016. Lo inseguono, candidato nelle opere prime, Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti (9), Suburra di Stefano Sollima (7), Per amor vostro di Giuseppe Gaudino (6) e con 5 candidature ciascuno Alaska di Claudio Cupellini e Perfetti sconosciuti di Paolo Genovese. Quattro le candidature per Io e lei di Maria Sole Tognazzi, Quo vado? di Gennaro Nunziante e anche per Non essere cattivo di Claudio Calligari.

L’evento rappresenta un’occasione di forte richiamo per il pubblico e di grande visibilità per i titoli segnalati e i premiati. I Nastri d’Argento in questo senso costituiscono un prolungamento della stagione cinematografica, perché si propongono idealmente come un ponte che dopo il Festival di Cannes, accompagna verso il primo evento di riapertura della stagione: la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Tra Cannes e Venezia, ci sarà quindi Taormina che stenderà nuovamente il red carpet sul quale sfileranno gli ospiti di questa 70esima edizione.

Come sempre, abbinati ai Nastri, ci saranno alcuni premi speciali di livello internazionale e anche altri importanti riconoscimenti. Nastri dei 70 ad esempio a Sabrina Ferilli, per il valore speciale della sua interpretazione di Io e lei di Maria Sole Tognazzi; a Marco D’Amore, per il ruolo da protagonista, autore del soggetto e co-produttore nell’opera prima di Francesco Ghiaccio, Un posto sicuro; a Massimo Popolizio e Giuseppe Fiorello, emozionanti Falcone e Borsellino nel film di Fiorella Infascelli Era d’estate

A Carlo Verdone e Antonio Albanese, coppia comica dell’anno nel film L’abbiamo fatta grossa, sarà consegnato invece il premio “Nino Manfredi”, un’iniziativa del Sindacato dei giornalisti condivisa con la famiglia e in particolare con la moglie di Nino, Erminia, che nella sua città di origine ha accolto, con molto entusiasmo, la proposta di consegnare un premio in nome del grande attore. Riconoscimento che torna al Teatro Antico per la quarta volta e già ottenuto anche da Marco Giallini, Lillo e Greg, Paola Cortellesi e molti altri ancora.

La serata dei Nastri avrà come madrina la giovane promessa Matilde Gioli, che proprio sul palco del Teatro Antico riceverà il primo riconoscimento della sua vita: il premio intitolato a Guglielmo Biraghi, destinato ogni anno ai giovani talenti più sorprendenti. La cerimonia di premiazione quest’anno sarà preceduta alle 21 dal grande calcio europeo con la diretta, sul maxi schermo del Teatro, della partita Italia – Germania e andrà poi in onda, in differita, su Rai Uno (e nel mondo grazie a Rai Italia) in seconda serata il 23 luglio, e il 6 luglio su Rai Movie.

www.cinemagazineweb.it

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail